Peeling viso
TRATTAMENTI – VISO

Peeling Viso


Il peeling è una tecnica largamente adoperata dalla medicina estetica con il preciso fine di attenuare la presenza o correggere degli inestetismi cutanei come rughe e cicatrici, stimolando la rigenerazione profonda del collagene.

Cos’è il peeling al viso?

Il peeling, anche noto come cutaneo, consiste in una procedura dermo-estetica, effettuata con lo scopo di mitigare la presenza di inestetismi presenti sulla cute del volto, come macchie solari, rughe statiche o cicatrici.

Il peeling viene realizzato da personale esperto e formato in materia e prevede l’applicazione diretta sulla cute di agenti chimici ad azione esfoliante, nel complesso del cosiddetto “peeling chimico”.

Quello meccanico, meno utilizzato, ha come fine quello di indurre un’esfoliazione selettiva dell’epidermide della cute ricorrendo a rulli o strumenti meccanici, senza l’uso di sostanze chimiche designate.

Molto richiesto soprattutto oltre i 50 anni di età, in quanto il collagene e l’elastina naturalmente presenti nel derma tendono a diminuire, ottenendo come risultato una pelle più lassa, cadente e meno tonica. La lassità della cute stimola la formazione delle rughe statiche che, a differenza delle righe dinamiche, sono perennemente presenti, costituendo un discreto effetto anti-estetico. Gli agenti chimici impiegati con il peeling provvedono all’esfoliazione selettiva degli strati più superficiali e intermedi della cute, rimuovendo le cellule morte superficiali e, al contempo, stimolando la deposizione di collagene e altre proteine strutturali nella porzione profonda della cute.

Come agisce il peeling

Il peeling cutaneo è a tutti gli effetti considerato come un ottimo trattamento anti-aging in quanto favorisce il ricambio cellulare e il turn-over di nuove cellule, che vanno a sostituire le cellule senescenti e non più funzionali della cute. Come già detto, dopo una certa età, gli stimoli mitogeni della pelle tendono a calare, provocando l’abbassamento drastico della quantità di collagene, elastina e glicosaminoglicani presenti nella cute, responsabili di fornire un’impalcatura strutturale e elasticità alla cute stessa. Il peeling ovvia a questo fenomeno di invecchiamento cutaneo, accelerando rapidamente i processi di ricambio cellulare, favorendo il rinnovamento di cellule basali che, ascendendo nell’epidermide, vanno a formare nuove cellule superficiali.

Inoltre, il peeling, sia chimico che meccanico, agisce rimuovendo lo strato non più funzionale della superficie cutanea, eliminando cellule morte e non più attive.

La funzione preminente operata  risiede nella stimolazione efficace nella produzione di collagene e di tropo-elastina, da parte delle cellule dermiche come i fibroblasti. Infatti, le cellule residenti nella porzione profonda del derma posseggono un’importante attività secretiva, oltre che proliferante; quando il peeling agisce in profondità nella cute, esso va a stimolare la formazione di queste proteine fondamentali, dato che i fibroblasti e le altre cellule stanziali percepiscono il “danno” effettuato appositamente con gli agenti chimici.

“Il peeling, agendo in profondità nel derma cutaneo, stimola in maniera elettiva le cellule qui residenti, come i fibroblasti e i macrofagi. Tali cellule sintetizzano dunque, in risposta al danno, grandi quantità di collagene ed elastina, inducendo un effetto ringiovanente globale sulla pelle”.

I vari tipi di peeling

Il peeling, oltre a differenziarsi in base al tipo di applicazione sulla cute, può essere distinto a seconda della modalità di azione nel contesto dell’epidermide e del derma.

A questo proposito, il peeling superficiale, o peeling esterno, agisce solo sull’epidermide, il sottilissimo strato più superficiale della cute. In questa sede, il peeling favorisce l’esfoliazione delle cellule cornee disfunzionali, rompendone i legami e promuovendone l’espulsione. Il peeling intermedio agisce invece in seno al derma papillare, che rappresenta lo strato più esterno del derma cutaneo, creando un quadro infiammatorio e consentendo alle cellule di iniziare il processo di ricambio cellulare e turn-over.

Il peeling profondo, o peeling interno, ha il fine di agire direttamente nello strato più profondo dell’intera cute, vale a dire il derma reticolare. In questo caso, la stimolazione operata sui fibroblasti è più rilevante, favorendo la deposizione di importanti quantità di collagene e altre proteine di natura strutturale della pelle.

Come si esegue il peeling

Il peeling chimico, che rappresenta la tipologia di trattamento cutaneo esfoliativo più eseguito, è attuato solo dopo che il paziente ha provveduto in maniera accurata a detergere la pelle del suo viso, ricorrendo all’uso di detergenti a pH neutro.

Una volta che la pelle viene detersa, il medico di medicina estetica seleziona gli agenti chimici più efficaci per l’esfoliazione e lo scrub, come ad esempio l’acido mandelico o l’acido cogico.

Altri tipi di acidi riescono anche a inibire l’azione dell’enzima tirosinasi, responsabile della produzione di melanina e della formazione di macchie ipercromiche, come la lentigo solare, sulla cute del volto.

Dopo che si sono scelti gli agenti chimici da utilizzare, questi sono applicati su un batuffolo in cotone e immessi in maniera circolare sulla cute del volto con una leggera frizione, per 10 o 15 secondi. Dopo alcune sedute, il risultato si mostra subito evidente nei confronti degli inestetismi più comuni, come le zampe di gallina e le rughe statiche.

Fonti:

  • Carlo D’Aniello, Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.
  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.
  • Andrea Bovero, Dermocosmetologia. Dall’inestetismo al trattamento cosmetico, Tecniche Nuove, 2011.
  • Damiano Galimberti, La medicina dell’aging e dell’anti-aging, Edra Edizioni, 2016.

info@stimolacollagene.it

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy

I contenuti editoriali presenti nel sito sono stati redatti a puro scopo informativo e non devono essere considerati quali sostituti alla consulenza medica. Si consiglia di rivolgersi al proprio medico e/o specialista per qualunque informazione e approfondimento. La Neuroriabilitazione non è sottoposto alle regolamentazioni introdotte dalla Legge n. 62 del 7.03.2001.

© Copyright 2020
STIMOLACOLLAGENE.IT

TAUMEDIKA srl - 00138 Roma - via Monte Giberto, 33 - P.Iva 12980441005