Stimolare la produzione di collagene ed elastina

21 Settembre 2022
collagene-e-elastina-1200x666.jpg

Il collagene e l’elastina rappresentano due tra le più importanti proteine strutturali del derma cutaneo. Con il passare dell’età, la produzione naturale di tali proteine tende gradualmente a calare, cedendo il passo alla formazione di vari inestetismi cutanei, come le rughe o le zampe di gallina. Fortunatamente è possibile stimolare la produzione endogena di tali proteine in maniera del tutto naturale.

Che cosa sono il collagene e l’ elastina

Il collagene rappresenta la principale proteina presente nell’organismo, costituendo all’incirca il 25 % dell’intera scorta proteica metabolica del corpo. Il collagene agisce direttamente in seno alla matrice extracellulare, dove va a formare una sorta di intelaiatura meccanica, la quale apporta alla cute tensione e resistenza alle sollecitazioni meccaniche.

Le fibre di collagene si intersecano in vario modo con le fibrille di tropoelastina. La tropoelastina viene depositata negli spazi extracellulari da cellule specializzate del derma, note come fibroblasti. La tropoelastina si combina con il collagene aumentando il tono elastico della cute e permettendo alla pelle di poter essere tirata e distesa, tornando alla conformazione originale. Con il passare del tempo, la produzione naturale di queste due molecole tende a scemare e risulta dunque necessario integrarle o stimolarne la produzione se si vuole mantenere la pelle tonica e compatta e libera dagli inestetismi.

A cosa servono?

Come anticipato, il collagene è una proteina strutturale del derma, elaborata e prodotta da cellule specializzate, note come fibroblasti. A partire dai 25-30 anni di età, i fibroblasti diminuiscono lentamente la produzione endogena di collagene e il collagene già prodotto va incontro a diversi processi di degradazione, in conseguenza dei quali perde la sua funzione originaria. La scomparsa del collagene nel derma dà luogo alla formazione di inestetismi come le rughe statiche, gli avvallamenti e la lassità della cute.

Il collagene forma una stretta maglia nel sottocute che conferisce stabilità meccanica e resistenza alle forze di trazione ed è per tale ragione che una sua deficienza porta nel tempo ad acquisire una pelle più cadente e contrassegnata dalla formazione di inestetismi vari, come rughe e solchi. Allo stesso modo, la tropoelastina contribuisce a prendere parte alla maglia sottocutanea, conferendo il giusto tono di ritorno elastico alla pelle. Il fatto che quando si tira la pelle essa tende a ritornare allo stato originario è dovuto proprio all’azione dell’elastina e più il tempo necessario per riacquisire lo stato originario è alto, più la pelle è invecchiata.

“Il collagene e l’elastina sono tra le due più importanti proteine strutturali del derma della cute e formano un’intelaiatura meccanica e funzionale, opponendo resistenza alle trazioni e garantendo il giusto tono di elasticità.”

Stimolare la produzione di collagene ed elastina con l’alimentazione

Risulta possibile integrare in maniera efficace il collagene e l’elastina innanzitutto basandosi su una corretta alimentazione, che da un lato va a fornire gli amminoacidi costituenti delle due proteine, mentre dall’altro lato impedisce che tali molecole vengano degradate in maniera prematura.

Seguendo tale assunto, è possibile consumare alimenti che contengono gli amminoacidi basilari di queste due proteine, ricercandoli ad esempio in cibi come i formaggi stagionati, le noci e le carni rosse, come la carne di vitello. Dall’altro lato, consumando le giuste dosi di alimenti dall’elevato potere anti-ossidante è possibile contrastare la degradazione prematura delle proteine, la quale avviene per mezzo dei radicali liberi dell’ossigeno. Per questo motivo, frutta e verdura come i pomodori, le patate e i mirtilli contrastano l’azione dei radicali liberi e proteggono le molecole dall’invecchiamento.

Stimolare la produzione di collagene ed elastina con  l’integrazione o esfoliazione

Oltre a poter stimolare la produzione di collagene ed elastina assumendo alimenti che contengano amminoacidi costituenti o cibi protettivi, è possibile integrare direttamente queste sostanze.

Ad esempio, risulta spesso opportuno integrare direttamente collagene ed elastina in forma idrolizzata, ossia preventivamente digerita dagli enzimi e frammentata in porzioni di dimensioni più piccole. Il collagene idrolizzato e l’elastina idrolizzata sono più facilmente assorbiti e assimilati dall’organismo e non sono richiesti ulteriori passaggi metabolici affinché arrivino nel derma.

Una conquista nel campo tecnologico della medicina estetica è rappresentata anche dal collagene ricombinante, il quale viene opportunamente preparato in laboratorio e poi integrato nel giusto modo per agire direttamente non solo contro gli inestetismi ma anche per apportare beneficio a ossa e articolazioni. Risulta possibile stimolare la produzione di collagene ed elastina anche semplicemente esfoliando e levigando lo strato superficiale della cute, inducendo dunque i fibroblasti a depositare nuove quantità di queste molecole.

Fonti e note:

  • Pietro Donati. Dermatopatologia clinica. Torino: Minerva medica; 2018.
  • Carlo D’Aniello. Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.

 

info@stimolacollagene.it

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy


I contenuti editoriali presenti nel sito sono stati redatti a puro scopo informativo e non devono essere considerati quali sostituti alla consulenza medica. Si consiglia di rivolgersi al proprio medico e/o specialista per qualunque informazione e approfondimento. La Neuroriabilitazione non è sottoposto alle regolamentazioni introdotte dalla Legge n. 62 del 7.03.2001. © Copyright 2020 STIMOLACOLLAGENE.IT

TAUMEDIKA srl - 00138 Roma - via Monte Giberto, 33 - P.Iva 12980441005